In che modo la pandemia globale ha colpito Century Casinos?

In che modo la pandemia globale ha colpito Century Casinos?

La pandemia globale di Covid-19 è stata uno shock senza precedenti per il sistema per molte persone e aziende in tutto il mondo.

Ma ci sono poche aziende che sono state colpite più duramente di quelle del settore dei giochi e dell’ospitalità.

Quindi, mentre Century Casinos annuncia i suoi risultati finanziari per l’intero anno 2020, più il restante trimestre dell’anno, diamo uno sguardo più da vicino a come l’azienda è stata colpita da quasi un anno di interruzioni e misure adeguate durante la crisi sanitaria.

Complessivamente, in termini di ricavi, l’organizzazione ha infatti registrato un trend positivo e un incremento di quasi il quaranta per cento rispetto all’anno precedente.

Ciò significa che la società ha incassato oltre $ 300 milioni per l’intero anno, che è stato quasi interamente dominato dalla pandemia di Coronavirus.

Chiusure e acquisizioni di proprietà

Durante l’anno, Century Casinos ha acquisito una serie di proprietà durante tutto l’anno, il che ha indubbiamente influenzato i risultati in concomitanza con la pandemia. Queste acquisizioni includevano Century Casino Caruthersville, Mountaineer Casino, Racetrack & amp; Resort e Century Casino Cape Girardeau.

Verso la fine dell’anno la società ha risentito maggiormente della stretta in relazione alla pandemia dovuta alla chiusura dei propri immobili nell’ambito delle misure di prevenzione per fermare la diffusione del virus. Queste chiusure sono state messe in atto dalle autorità e dai funzionari governativi di tutto il mondo.

Sebbene a causa del fatto che ogni paese implementa misure in momenti diversi, i ricavi operativi nei casinò e nei luoghi di gioco nei singoli paesi variavano durante l’anno, inclusi Canada e Polonia.

Oltre alle molteplici acquisizioni durante la pandemia globale, una mossa inaudita da molte aziende, Century Casinos ha anche venduto le operazioni del casinò di Century Casino Calgary per $ 6,5 milioni, ma ha mantenuto la proprietà immobiliare, in cui ha accettato di affittare all’operatore del casinò . Tuttavia, l’azienda ha dichiarato che venderà l’immobile entro la fine dell’anno.

I co-amministratori delegati di Century Casinos Erwin Haitzmann e Peter Hoetzinger hanno commentato lo scorso anno e come le operazioni sono state influenzate:

Siamo soddisfatti del forte EBITDA rettificato per il quarto trimestre, anche se i nostri casinò in Canada e Polonia sono stati chiusi a dicembre durante le intense festività natalizie.

Questi risultati sono stati guidati principalmente dalle nostre proprietà negli Stati Uniti, che hanno generato l’82% del nostro EBITDA rettificato nel quarto trimestre.

Siamo stati in grado di ottenere margini operativi che riteniamo continueranno a essere raggiungibili.

Attendiamo con impazienza la riapertura dei nostri casinò e ippodromi in Canada e un’intensa stagione estiva in Nord America se la pandemia si placherà

Operazioni future

Andando avanti nel secondo, terzo e quarto trimestre del 2021, Century Casinos ha dichiarato che l’azienda è stata influenzata negativamente dalla pandemia dell’anno scorso e prevede che ci sarà ancora un impatto visibile quest’anno.

Molte delle organizzazioni di casinò e strutture per le scommesse rimangono chiuse e non riapriranno fino a circa la metà dell’anno, comprese le sedi in Colorado, Missouri, West Virginia ed Edmonton.

Quando i casinò avranno il via libera per riaprire, insieme a molte attività nel settore dei giochi e dell’ospitalità, si prevede che una serie di misure di salute e sicurezza rimarranno in vigore come parte della cautela e della prevenzione per ridurre le possibilità di un altro picco nel virus. Queste misure possono includere distanze fisiche, rivestimenti per il viso, orari di funzionamento limitati al piano del casinò e capacità ridotta.

Fino a quando l’organizzazione non sarà pienamente operativa e tutte le proprietà non saranno riaperte, non è chiaro se si avvertirà un impatto a lungo termine o se saranno necessarie chiusure future.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *